Fujifilm XT-2 – Ritratti e Spettacolo

image

Fujifilm XT-2 – Ritratti e Spettacolo

I miei severissimi test sulla Fujifilm XT-2 continuano e sono sempre più soddisfacenti!

Mercoledì pomeriggio io e la mia pazza amica Andrea abbiamo deciso di fare una piccola gita fuori porta a Bergamo per scattare qualche ritratto a caso con la XT-2. Nel dettaglio volevo testare il suo comportamento in luce ambiente esterna e la modalità inseguimento volto che trovo davvero molto interessante.
Un amico e collega ci ha gentilmente concesso di passare un po’ di tempo a casa sua, dove ci sono delle meravigliose vetrate, in questo modo ho potuto testare l’autofocus della XT-2 in controluce pieno sia con la modalità rilevamento volti che senza, e devo dire che si è comportato molto bene. Per questi scatti ho provato il 35 f2 WR di nuova generazione (meraviglioso) e il 56 1.2 R (ancora più meraviglioso!).
Il rilevamento volti è efficace, quando aggancia il volto non lo molla e continua a seguirlo anche se il soggetto si muove. Non c’è bisogno di spostare il punto di messa a fuoco con il joystic, fa tutto la macchina e lo fa molto bene!
Ho notato però che non sempre riesce a trovare il volto, magari in inquadrature più ampie, e in quel caso bisogna dargli una mano posizionando il punto di messa a fuoco sul soggetto, poi la macchina farà il resto.
Nel menù di inseguimento volti ci sono diverse opzioni: inseguimento facciale, inseguimento occhi, inseguimento occhio dx e inseguimento occhio sx. Io ho provato l’inseguimento occhi, davvero molto comodo!!!
Ieri ho avuto modo di mettermi a lavorare le foto e ho deciso di dargli la lavorazione che solitamente faccio con i matrimoni. I file della XT-2 sono super lavorabili, niente da invidiare ai file di una FX (D5 a parte, in questo caso non esiste davvero paragone!). E’ stato molto interessante perché ho provato anche a lavorarli con photoshop per rimuovere qualche piccolo difetto: sono un po’ pesanti da aprire, photoshop si rallenta un poco rispetto ai file della D4 e della D5, ma nulla di eclatante. Confermo comunque il fatto che per lavorare i file della XT-2 bisogna avere un pc piuttosto performante.

Un’ulteriore prova interessante è stata capire come si comporta il sensore della Fufjilm XT-2 con i colori. Questa piccola sessione di scatti è stata molto utile per darmi un’idea generale, ma il test più importante l’ho fatto la sera di mercoledì quando ho accompagnato Sara a scattare le foto della serata Wet Wetnesday a Milano.
In questo caso abbiamo potuto paragonare gli scatti della Nikon D750 con quelli della Fujifilm XT-2 ed è stato illuminante!
La Fujifilm si è confermata ottima per la fotografia in scarse condizioni di luce, la messa a fuoco sempre pronta e la gestione del rumore mi ha lasciato senza parole! Un file della XT-2 scattato a 6400 ISO riesce ad essere anche migliore di quello di una D750 scattato a 3200 ISO e senza “spappolarsi”, incredibile per un sensore APS-C.
La gestione del bilanciamento del bianco e del colore invece è molto strana. Ho notato che il sensore della XT-2 tende ad essere più freddo in generale, e in particolare con luci artificiali, tende al verde. Nel lavorare le foto della serata Wet, infatti, ho dovuto aggiungere del magenta alla tinta del bilanciamento del bianco per raggiungere un risultato simile a quello della D750.
E’ importante capire come il sensore gestisce il colore perché così è possibile personalizzare il bilanciamento già in fase di scatto. Sarà qualcosa su cui dovrò fare ulteriori prove e studi quando prenderò la mia XT-2, ma già di base so quale è il suo “difetto”.

Ieri ho fatto qualche prova in studio con i flash, ma i miei test non sono stati sufficientemente approfonditi per farne ora una recensione, nei prossimi giorni avrò altre occasioni di scattare in studio e farò dei test mirati sul funzionamento della XT-2 con i flash, dato che mi hanno permesso di tenere la XT-2 fino a martedì!

Ricapitolando ecco le mie considerazioni:

  • messa a fuoco veloce e precisa anche in condizioni di luce difficile (controluce) o scarsa (spettacolo). Come già ho detto nella recensione precedente, l’autofocus non è infallibile, ogni tanto sbaglia così come sbaglia anche una macchina come la D750 (e infatti abbiamo fatto anche questo confronto). La percentuale di errore dell’autofocus è davvero bassa.
  • la funzione rilevamento volti funziona abbastanza bene, ma in alcuni casi può dare fastidio. Nel ritratto abbastanza statico è interessante, ma bisogna ricordarsi di disattivarlo se si vogliono fare delle foto un po’ diverse, non necessariamente mettendo a fuoco il volto. Per questo motivo ho impostato un tasto Fn con questa funzione, in modo che sia facile e veloce da attivare e disattivare.
    Nella fotografia di spettacolo invece l’ho trovata abbastanza fastidiosa perché non sempre agganciava il soggetto, forse perché devo prenderci un po’ più la mano e capire meglio come funziona, ma ad un certo punto (quasi subito) l’ho disattivata e ho continuato alla vecchia maniera spostando il punto di messa a fuoco con il joystic che è davvero molto comodo.
  • i file della XT-2 sono perfettamente lavorabili anche in photoshop. Ovviamente non c’è da aspettarsi la super nitidezza di una D5 o una D810, ma se non avete pretese di alta moda è perfetta.
  • i raw sono decisamente pesanti da gestire. Attivando l’opzione “compressione senza perdita” si passa da 50 MB a 22 MB a file, ma la riduzione di peso non significa necessariamente una riduzione del tempo necessario per l’apertura e il caricamento del file. Attualmente io lavoro su iMac 27” retina processore i5 3.5 Ghz 8 GB di RAM e 2 GB dedicati alla scheda video. Il mio pc li apre bene, ma ci mette un pochino di più rispetto a quelli della D5.
  • il sensore della XT-2 tende un po’ ad essere freddo nei colori e, con luci artificiali particolari, a volte tende al verdognolo. Questo non lo vedo come un problema, va solo capito come gestisce i colori e personalizzare le impostazioni in modo da ottenere un file già pronto.
  • nella fotografia di spettacolo la XT-2 si conferma magnifica! Veloce nell’autofocus anche in condizioni davvero difficili, nitidezza dell’immagine paragonabile a quella di una FX e, dal confronto che ho fatto sui file, anche meglio della D750 che paradossalmente tende ad impastare di più! Gestione del rumore sorprendente per essere un sensore APS-C.
  • La XT-2 è leggera, maneggevole e pratica. Fotografare è davvero un piacere e non più una sofferenza per spalle e braccia.

Dalle mie considerazioni attuali ho deciso che il mio corredo fotografico sarà ibrido Nikon + Fuji.
Vi sembrerà strano e un po’ lo è, ma da un lato la mia D5 è una meraviglia assoluta sotto tutti i punti di vista (tranne il peso…) e non voglio separarmene, specialmente per alcuni tipi di fotografia in cui la reflex riesce a darmi sempre maggiore sicurezza. Dall’altro lato la XT-2 è una macchina che ti fa venire voglia di scattare solo per tenerla tra le mani, è una piccola meraviglia ed è adatta a tutti i tipi di fotografia che faccio, anzi, per alcuni generi è addirittura più consigliata perché più discreta e più silenziosa.
Quindi alla fine terrò solo le ottiche che più uso sulla D5 e pian piano mi creerò un piccolo corredo Fuji da affiancare.

Nei prossimi giorni scriverò una recensione più dettagliata sulla XT-2 in studio con i flash, nel frattempo vi lascio con alcuni ritratti di Andrea e alcuni scatti della serata Wet di mercoledì!

Share

About the Author

2 Comments:

  1. Ilaria
    01 Febbraio, 2018

    Ciao Elena,
    sto cercando recensioni di Fuji X-T2 per fotografia di concerti. Tu la consiglieresti? Al momento, per le foto di spettacolo/concerti, utilizzo Canon 7D m2 con 70-200 f 2.8 e Canon 6D 24-700 f 2.8.
    Possiedo la Fuji x100f ed è una meraviglia… per questo motivo mi sto orientando ad un corredo tutto fuji.
    Spero in un tuo contatto, nel frattempo ti saluto.
    Ilaria

    • Elena Gatti
      01 Febbraio, 2018

      Ciao Ilaria, purtroppo non so farti un confronto con le due Canon che utilizzi tu perché io ho sempre utilizzato Nikon, ma posso dirti che la XT2 non ha niente da invidiare a una Nikon D750 (che credo equivalga più o meno ad una 7D).
      Ormai è un anno che utilizzo la XT2 principalmente in situazioni come eventi e matrimoni ma non ho mai avuto nulla di che lamentarmi se non forse una gestione del bilanciamento del bianco non proprio eccelsa con luci tipo led.
      Per quanto riguarda nello specifico i concerti è un settore che ho un po’ abbandonato ma ho avuto modo di testarla e l’auto focus è impressionante.
      Il mio consiglio è quello di fartela prestare o noleggiarla in modo da poterla effettivamente mettere alla prova prima di un eventuale acquisto. I pareri sulle macchine fotografiche sono sempre molto soggettivi e la cosa migliore da fare è sempre provarle di persona.

Leave a Comment!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.