My Crazy Hair

image

Oggi è una giornata davvero speciale.

Non avrei mai pensato che a 28 anni suonati avrei avuto di nuovo il mio “primo giorno di scuola”.

Questo primo giorno però è diverso da quelli interminabili di quando ero piccola: non sono triste, non sono sconsolata, non odio il mondo ecc… ecc… ma sono felicissima perché oggi è un ulteriore step verso l’inizio della mia nuova vita!

Oggi è il primo giorno di lezioni all’Istituto Italiano di Fotografia di Milano dove un paio di mesi fa ho vinto la borsa di studio per frequentare il secondo anno del corso professionale in fotografia.

Sono davvero emozionata. Ho un sacco di carica esplosiva addosso (in senso positivo eh! Non pensare male!), un sacco di idee che frullano per la testa e tanta, tantissima voglia di fare qualcosa di nuovo.

Sento che in questo anno accademico avrò la possibilità di re-inventarmi, di scoprire qualcosa di nuovo in me che ancora non avevo scoperto, di superare i limiti della mia immaginazione, di tornare a provare cosa significa avere la mente fresca di un 16enne in piena esplosione creativa, esattamente come lo ero una volta.

Mi mancano i tempi in cui macinavo idee senza sosta, i tempi in cui mi bastava leggere un libro affinché davanti agli occhi mi si aprisse un mondo pieno di cose nuove.

Forse ti sembrerò sdolcinata, forse fin troppo melo-drammatica, ma la verità è che non ho sufficienti parole per descrivere la mia felicità oggi.

Nel mio corso siamo 54. Sono tanti. 54 fotografi che vogliono sbarcare in un futuro lavorativo in questo campo. Sarà una lotta dura, ma questo la rende ancora più interessante.

L’immagine che voglio dare a questo mio piccolo excursus di storia personale è quella dei miei nuovi capelli. Esattamente una settimana fa sono stata cavia volontaria di un esperimento e questo è il risultato! Alla fine ho pensato che se non lo faccio ora che non sono ancora così vecchia, quando potrei fare una follia simile? a 50 anni? Si vive una volta sola, ed è divertente ogni tanto lasciarsi andare a certe cavolate, no?

Share

About the Author

Leave a Comment!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.