image
Body Painting & Creative Lighting L’estate 2017 è stata davvero intensa sotto tutti i punti di vista, ma fortunatamente non mi sono limitata ai matrimoni (che comunque adoro) e questi scatti ne sono la prova. Era ferragosto e abbiamo messo in piedi un gruppo di creativi per realizzare uno shooting pazzo: Dshock (Davide Zingarelli) al make up affiancato da Silvia Ileana Stella per il body painting sulla nostra modella Janet Fischietto. Mi sono armata di tutti i miei flash, cavalletti, modificatori di luce, gelatine e tanta tanta tanta improvvisazione. Fino a non molto tempo fa ero il genere di fotografa che pensa ad ogni minimo dettaglio, precisa fino alla pazzia, ma ora non più, ora mi lascio ispirare ed i risultati di questa ispirazione sono sempre i migliori, specialmente quando vengo affiancata da professionisti e creativi. Non mi resta che rendere finalmente pubblico questo lavoro rimasto fino ad ora inedito, senza censure perché non le sopporto. Buona visione! Read More
image
Janet Fischietto, what else? E’ davvero il caso di dirlo, questo shooting mi ha assorbita tantissimo lavorativamente e, soprattutto, emotivamente. Janet è una ragazza splendida (ma va?!) e non mi riferisco solo alla bellezza esteriore, ma a tutto quanto. E’ gentile, umile, allegra e sempre sorridente. E’ l’unica persona a cui permetto di chiamarmi topa! Beh, lo permetto anche a Sara in verità, ma lei preferisce chiamarmi in altri modi buffi. Sono felice di aver ultimato il lavoro sulle foto, ma al tempo stesso provo un po’ di nostalgia, come quella strana sensazione che si prova quando finisce l’ultimo episodio di una serie che ti ha tenuto con il fiato sospeso per tanto tempo. Il venerdì pomeriggio passato insieme a Janet è stato splendido, compresa la parte della pizza! Che poi ditemi, come si fa a mangiare un’intera pizza e poi rimettersi subito a posare indossando pure un bustino?! Se l’avessi fatto io il bustino sarebbe esploso! E niente, non c’è davvero altro da dire, ho collezionato delle foto meravigliose che prestissimo inserirò nel mio portfolio qui sul sito, ma intanto vi lascio con un paio delle mie foto preferite. A dire il vero non saprei scegliere, sono tutte le […] Read More
Fashion Shooting or not? This is the problem. Quasi due settimane fa c’è stato lo shooting beauty e fashion all’Istituto Italiano di Fotografia. I tempi erano decisamente ristretti: martedì visione dell’abito assegnato, mercoledì per pensare ad un mood e un make-up adeguato e giovedì subito a scattare. La mia fortuna è stata quella di avere a disposizione un abito retro in stile anni ’40, un genere con cui vado decisamente a nozze (grazie Voodoo De Luxe!). Il problema però era: che fare? Chi mi conosce da tempo sa che io e la fotografia fashion siamo due universi opposti, proprio non mi riesce. Perciò alla fine ho optato per fare qualcosa che non fosse propriamente fashion, ma che potesse comunque vedersi su una rivista come Vogue (ma magari!). Ho passato un’intera giornata a sfogliare numeri di Vogue che avevo in casa e alla fine ho trovato la mia ispirazione: un set nel set dall’aspetto molto cinematografico un po’ ispirato a Lindberg e un po’ alla Leibovitz. Cosa c’entra con il fashion? Non lo so, ma è ciò che mi sentivo di fare e alla fine l’ho fatto. Il giorno dello shooting ci sono stati duemiliardi di problemi con gli orari il trucco […] Read More
image
Visionary. Di cosa si tratta? Di un visionario, esattamente del ritratto creativo di quello che secondo me è un visionario. Qualcuno che guarda oltre, qualcuno la cui mente è un esplosione di idee, colori, pensieri, immagini, parole, numeri… Camminano tra noi, i visionari, sono esattamente come noi ma, se sei in grado di vederlo, camminano a tre metri da terra, volteggiano quasi. I visionari vivono in un mondo altro, un mondo parallelo, un mondo futuro. I visionari sono coloro che cambieranno il mondo. Questo ritratto è la mia personale interpretazione di un visionario. Un tripudio di colori ed idee! Il fondale così particolare è stato creato da me con materiali di recupero: si tratta di una copertura simile alla carta argentata che usiamo in cucina, solo molto più resistente. Una sera l’ho trovata vicino al cassonetto della ditta sopra cui si trova il mio studio… non ho esitato a portarmela in studio perché sapevo che prima o poi ci avrei fatto qualcosa… ed eccolo! Il mio fondale argentato! Per dargli un tocco in più di colore l’ho illuminato con due flash con gelatina blu e magenta. Il cappellino del visionario arriva direttamente dall’Inghilterra, ci ho messo tantissimo per cercarlo esattamente […] Read More
image
Buon lunedì a tutti, oggi vorrei parlarvi di sostenibilità. Plastic girl è solo la prima parte di un progetto nato mesi fa quando ho visto e ho riflettuto sull’enorme quantità di rifiuti che ogni giorno produciamo. Nella ditta in cui lavoravo, tra luglio e agosto 2015, c’erano in media 33 gradi e un tasso di umidità altissimo. In ditta c’era un distributore di bottiglie d’acqua che, in quel periodo, veniva rifornito quotidianamente… il consumo di bottiglie di plastica era spaventoso. Già sapevo che i rifiuti, nella società contemporanea, sono un grosso se non addirittura enorme problema, ma forse non mi ero mai fermata a pensarci veramente fino a quando non ho visto tutta quella plastica. Ho iniziato a raccogliere tutte quelle bottiglie per realizzare questo progetto e in meno di due mesi avevo già riempito fino all’orlo 6 sacchi condominiali di plastica, avete presente quanto sono grandi? Non ho mai contato le bottiglie che avevo raccolto, ma dopo soli due mesi ho stabilito che bastavano per il mio progetto. Finalmente ho trovato il tempo di realizzare non solo lo shooting, ma di creare l’abito! La plastica che fa base alla gonna è realizzata con plastica interamente di recupero, sempre scartata […] Read More
image
Transformation è un’idea nata all’improvviso ma che esisteva già dentro di me e continua ad esistere. Ultimamente sento molto la tematica del doppio, della dualità, della duplicità. Sarà la lettura di Dr. Jekyll e Mr. Hyde? Oppure sarà la consapevolezza del fatto che in tutti noi convivono due lati, uno più oscuro e negativo e uno più chiaro e positivo… ma quale realmente mostriamo al mondo? Mi sono resa conto che il mio lato oscuro, il mio Mr. Hyde, è quello che ho sempre mostrato al mondo per proteggermi, una vera e propria corazza. Ultimamente però mi sto trasformando (da qui il titolo Transformation) e sto iniziando non tanto ad essere, ma a mostrare il mio Dr. Jekyll. Questa foto parteciperà anche ad un concorso in cui una delle parole chiave è proprio Transformation. Speriamo che i giurati apprezzeranno! Come solito vi ricordo che potete seguirmi sui vari social fotografici: Flickr e 500px  Mi trovate anche su Facebook alla pagina Elena Gatti Photography. Read More
image
Rock shooting, perché no? Circa un mese fa mia cugina Federica mi ha proposto uno shooting… credevo volesse fare una cosa piuttosto standard, il classico “ricordo di famiglia” e invece sono rimasta felicemente sorpresa quando mi ha detto che avrebbe lasciato alla mia fantasia di esprimersi perché voleva essere qualcuno di diverso, voleva fare qualcosa di totalmente diverso dalla sua quotidianità. Federica è sempre stata una sportiva, una di quelle ragazze molto acqua e sapone e molto tranquille che si scatenano sul  campo di pallavolo. E’ madre di due figlie (con questo fisico l’avreste mai detto?!) e si divide tra lavoro e famiglia, ma per questo shooting ha voluto essere una persona totalmente diversa. Per questo rock shooting abbiamo deciso di usare un abbigliamento un po’ rockettaro: jeans stracciati, canottiera nera, borchie e quant’altro… ma l’idea geniale è venuta alla fine: di recente ho acquistato un abito in stile gotico davvero molto bello, perché non inaugurarlo in modo creativo? Ho deciso di creare un forte contrasto tra l’abito elegante e i dr. Martines, il tutto condito da pose che poco o niente si addicono all’abito in questione! Questa è stata la parte dello shooting in cui ci siamo divertite di […] Read More
Sono passati circa 20 giorni da quando ho scattato queste foto per la compagnia teatrale Ambaradan di Bergamo. Da diversi mesi stanno mettendo in scena uno spettacolo: Frankenstein Kabarett. L’introduzione dice più o meno così: The Beautiful Terryfing And Magic Surprising Victor Von Frankenstein Transilvanian Zombies And Wonderful Freaks Kabarett… o qualcosa del genere! Insomma, uno spettacolo a base di artisti circensi, musica e tanta comicità! Ho realizzato queste foto appena qualche ora prima dello spettacolo, direttamente in teatro. Il fondale nero altro non era che una quinta del palco, per il resto ho portato con me i miei modesti (ma sempre fedelissimi) flash a slitta Yongnuo e un paio di ombrelli per diffondere la luce… ed ecco fatto! I costumi, gli accessori e il trucco sono di Federica Sanseverino. Al resto hanno pensato i fantastici artisti. Per vedere l’album completo puoi andare su Flickr o direttamente nel mio portfolio. Se per caso te lo fossi perso, c’è anche un piccolo album dedicato alle foto di backstage realizzate proprio in occasione dello spettacolo Frankenstein Kabarett! Ne ho parlato anche qualche tempo fa proprio qui sul blog. Buona visione! Read More
image
Maleficent parte seconda Mi rendo conto di essere un po’ sparita nell’ultimo periodo, ma se stai pensando che sia stata con le mani in mano ti sbagli, è stato un periodo super produttivo e continua ad esserlo! Quest’anno ho iniziato a fotografare anche i matrimoni che mi stanno tenendo davvero molto impegnata, ma fortunatamente ho quasi ultimato e poi potrò tornare a dedicarmi ai mille progetti che ogni giorno inondano la mia testa! Oggi ho deciso di prendermi una pausa dai matrimoni e riprendere in mano un piccolo progetto che avevo dovuto lasciare temporaneamente da parte. Ti ricordi di Maleficent? se non sai di cosa sto parlando allora ti rinfresco la memoria: qualche tempo fa avevo pubblicato la prima parte, molto dark, di questo piccolo shooting. Ora ecco finalmente la seconda parte dal mood meno dark e un po’ più romantico. Che ne pensi? Ti piace questa versione di Maleficent? Anche in questo caso ho usato un flash (Yongnuo) comandato tramite trigger e diffuso da un semplice ombrellino. La mia modella, nonché MUA di sé stessa è Sara Agnelotti, il vestito è stato gentilmente concesso da Yvonne Vionnet. Ti ricordo che puoi vedere tutte le foto del progetto sul mio […] Read More