image
Riciclo creativo e sostenibilità. E’ un argomento a cui tengo molto quello del riciclo e della sostenibilità. Il rispetto e l’amore verso l’ambiente in cui viviamo e che ci ha dato tutto. Si parte dalle piccole cose, come buttare le cartacce nel cestino, fino all’attenzione per la raccolta differenziata. Ma c’è un altro gradino ben più grande e affascinante che negli ultimi anni sta iniziando a spopolare: il riciclo creativo! Recuperare vecchi oggetti e dar loro nuova vita è forse il regalo più meraviglioso e creativo che si possa fare all’ambiente. E’ vero, le cose nuove sono più comode perché sono nuove, quelle vecchie invece vanno sistemate, pulite, riparate… ma immaginate quanto fascino in più possano avere! Sono oggetti che si portano dietro una storia, hanno un’anima e, sopratutto, diventeranno unici! In questi ultimi hanno si è fatta sempre più forte l’idea di arredare la mia futura casa tutta con oggetti di recupero a cui mi piacerebbe dare nuova vita. Ho sempre amato i lavori manuali, il legno che è un materiale caldo e vivo, gli oggetti con un’anima… vorrei che la mia futura casa avesse un carattere unico, e soprattutto mi piacerebbe sentirla davvero mia, creata con le mie […] Read More
image
Newspaper Shooting Backstage. Dopo più di un anno ho ripreso in mano un progetto per me molto importante sulla sostenibilità. Si tratta di una serie di ritratti creativi dove i vestiti, l’acconciatura e il make-up, sono realizzati con materiali di recupero che andrebbero riciclati, ma che spesso vengono mescolati nei rifiuti indifferenziati. L’idea è nata quando ancora lavoravo come dipendente in un’azienda dove ho più volte proposto l’idea della raccolta differenziata, cercando di spiegarne l’importanza, ma nessuno ha mai dato la giusta importanza a questo argomento. Tutt’ora in questa azienda non viene fatta la raccolta differenziata (lo so perché il mio studio è proprio al piano superiore) e mi rammarica perché non si rendono conto che, così facendo, stanno solo contribuendo a rendere il mondo un posto peggiore in cui vivere. Non tanto per loro, ma per i loro figli e futuri nipoti. Molte persone non pensano al futuro, vivono il presente egoisticamente senza pensare alle conseguenze del loro comportamento. Ed ecco perché è nato questo progetto dove, facendo il verso alla fotografia fashion, la modella viene vestita con i rifiuti e circondata dagli stessi. Il primo step è stata la plastica che ho raccolto in poco più di un […] Read More
image
Sad Clown Memories – Memorie del Pagliaccio Triste Il pagliaccio triste in questo caso sono io, non solo nel senso fisico del termine, ma anche e soprattutto emotivo e spirituale. Ho deciso di fotografare i luoghi della mia infanzia in cui mi sono sentita fuori posto, come un pesce in mezzo al deserto. La diversità è sempre difficile da comprendere, anche e soprattutto per chi è diverso da tutto e da tutti, specialmente in un periodo dove ancora la parola “gender” nemmeno esisteva. Strano, diverso, sbagliato quando non inverso… tutti sinonimi che ora sono stati accorpati in quella parolaccia. Questo progetto non si limita a parlare di me, SONO IO. Tutte le frasi che ho scritto in queste foto sono frasi REALI che mi sono sentita dire nel corso degli anni e che mi hanno, in un modo o nell’altro, portato ad essere ciò che sono. Qui non si parla di omosessualità, è qualcosa che viene prima e che va oltre. E’ qualcosa di diverso e non necessarimaente collegato. Ho intenzione di portare questo progetto in mostra e magari di stamparne anche un piccolo libro. Non so ancora come dove quando e perchè ma sarà così perché è importante vedere […] Read More
image
Buon lunedì a tutti, oggi vorrei parlarvi di sostenibilità. Plastic girl è solo la prima parte di un progetto nato mesi fa quando ho visto e ho riflettuto sull’enorme quantità di rifiuti che ogni giorno produciamo. Nella ditta in cui lavoravo, tra luglio e agosto 2015, c’erano in media 33 gradi e un tasso di umidità altissimo. In ditta c’era un distributore di bottiglie d’acqua che, in quel periodo, veniva rifornito quotidianamente… il consumo di bottiglie di plastica era spaventoso. Già sapevo che i rifiuti, nella società contemporanea, sono un grosso se non addirittura enorme problema, ma forse non mi ero mai fermata a pensarci veramente fino a quando non ho visto tutta quella plastica. Ho iniziato a raccogliere tutte quelle bottiglie per realizzare questo progetto e in meno di due mesi avevo già riempito fino all’orlo 6 sacchi condominiali di plastica, avete presente quanto sono grandi? Non ho mai contato le bottiglie che avevo raccolto, ma dopo soli due mesi ho stabilito che bastavano per il mio progetto. Finalmente ho trovato il tempo di realizzare non solo lo shooting, ma di creare l’abito! La plastica che fa base alla gonna è realizzata con plastica interamente di recupero, sempre scartata […] Read More
image
Elena Gatti PH promo video, eccolo qui rivisitato e aggiornato con nuove foto! Ho creato questo video più o meno a gennaio/febbraio 2015 e ora, visti i nuovi progetti, ho deciso che era giunto il momento di dargli una rinfrescata. Il montaggio video è una risorsa che ogni fotografo dovrebbe tenere in considerazione perché può creare una sorta di “realtà aumentata” della fotografia, specialmente nei progetti creativi. Ho avuto la fortuna di seguire due corsi di montaggio video e, grazie ad essi, di sapermi destreggiare con il montaggio con Adobe Première, un programma professionale ma semplice, una volta capito l’utilizzo base. In questo video troverai solo parte del mio lavoro: alcuni estratti di progetti creativi, burlesque e musica. La mia intenzione è, prossimamente, di creare anche un video dedicato ai ritratti in studio, tempo al tempo! Intanto ti invito a guardare questo video promo e a dirmi cosa ne pensi! Read More
image
E’ da tanto che non aggiorno questo mio piccolo blog fotografico, ma non perché sia rimasta con le mani in mano, anzi, questo mese di giugno è stato pienissimo di lavoro fotografico! Oggi vi mostro Maleficent, un piccolo progetto improvvisato scattato un po’ di tempo fa ma che non ho avuto il tempo di lavorare prima. La mia musa per questi scatti è la mia compagna, Sara Agnelotti, che è stata anche MUA di sé stessa (ovviamente). La stylist è Yvonne Vionnet con cui ho iniziato una bellissima collaborazione che spero continui a lungo. Che altro dire? questa è solo la prima parte del progetto, la più complessa anche dal punto di vista tecnico: abbiamo usato ben tre flash di cui due con gelatina colorata e uno diffuso da un ombrellino bianco per illuminare Sara. Se vuoi  vedere tutta la prima parte del set di Maleficent lo puoi trovare su Flickr o anche qui nel mio portfolio. Appunti Tecnici – Uso creativo del flash a slitta In questo set ispirato al personaggio di Maleficent ho utilizzato dei semplici flash a slitta Yongnuo totalmente manuali comandati da trigger radio sempre di marca Yongnuo (sia flash che trigger si trovano facilmente su Amazon ad un prezzo davvero […] Read More